30-mag-2020


Signet Grazie IT

Coronavirus: l'economia svizzera in modalità "lock down”

 

Impiegata/Impiegato di commercio AFC Procedura di qualificazione 2020 modificata

Versione aggiornata del 21 aprile 2020

 

Il 9 aprile 2020, i partner della formazione professionale hanno approvato una soluzione per gli esami finali di tirocinio 2020. A tal fine, il 16 aprile 2020 il Consiglio federale ha emanato un’ordinanza che consente alle persone in formazione, nonostante la crisi del coronavirus, di concludere gli studi con un attestato federale di capacità risp. un certificato federale di formazione pratica: per ogni formazione professionale di base sarà svolta una procedura di qualificazione armonizzata a livello svizzero. Ma cosa implica ciò per la professione Impiegata/Impiegato di commercio AFC?

 

Contesto di partenza

Secondo l’ordinanza sulla formazione professionale di base Impiegata/Impiegato di commercio AFC, la procedura di qualificazione comprende una parte aziendale e una parte scolastica, ciascuna con differenti campi di qualificazione. Le note dei luoghi di formazione di entrambe le parti valgono la metà.

 

Parte scolastica dell’esame finale

Decisione dei partner della formazione professionale: non si terrà nessun esame scolastico, bensì conteranno solo le note dei luoghi di formazione.

Nella professione Impiegata/Impiegato di commercio AFC la materia «Informazione, comunicazione, «amministrazione» e la seconda lingua straniera nel profilo E erano già state valutate prima della crisi del coro-navirus. Anche la nota «Lavori di progetto» è già stata assegnata. Queste note saranno considerate per l’attestato federale di capacità. In tutte le altre materie faranno stato le note dei luoghi di formazione.

Nell’ambito della formazione di base organizzata dalla scuola, per le persone in formazione nel modello concentrato conformemente all’articolo 28 dell’ordinanza sulla formazione professionale di base (modello 3+1) alla fine dello stage di lunga durata (vale a dire alla fine dei quattro anni di formazione) saranno ripresi tutti i risultati disponibili dagli esami finali scolastici dell’anno precedente.

 

Parte aziendale dell’esame finale

Decisione dei partner della formazione professionale: ai fini dell’esame del lavoro pratico ogni organo re-sponsabile richiede una variante realizzabile in modo armonizzato a livello svizzero. La garanzia della salute e della sicurezza di tutte le persone coinvolte ha priorità massima.

La richiesta della CSRFC di rinunciare agli esami orali e scritti della parte aziendale della procedura di qualificazione e di basarsi sulla nota aziendale dei luoghi di formazione è stata approvata. La Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (SEFRI) ha dato il nullaosta e comunicato la sua decisione alla CSRFC il 21 aprile 2020. Nota: a livello cantonale la decisione della SEFRI è in parte stata co-municata come «Variante 3a», senza tuttavia precisare che la SEFRI non prevede l’utilizzo della griglia di valutazione dei Cantoni. 

In questo modo è possibile uno svolgimento armonizzato a livello svizzero per la professione Impiegata/
Impiegato di commercio AFC, al fine di garantire la sicurezza di tutte le persone coinvolte.

La nota aziendale dei luoghi di formazione deriva da sei situazioni di apprendimento e di lavoro (SAL) e
due unità procedurali (UP) o, in alternativa, da due controlli delle competenze dei corsi interaziendali (CCCI).
In questo contesto vengono esaminate capacità pratiche della quotidianità professionale nell’ambito di
un ordine di lavoro o di una prestazione da fornire. La valutazione finale delle SAL avviene conformemente
alle disposizioni del piano di formazione Impiegata/Impiegato di commercio AFC e va registrata entro il
15 maggio dell’ultimo anno di formazione nella banca dati per gli esami finali di tirocinio (BDEFT2). Affinché
le aziende formatrici possano assegnare la valutazione finale delle SAL in modo qualitativo considerando
la situazione attuale, le note potranno essere registrate anche dopo la data sopra menzionata; maggiori
informazioni saranno comunicate su www.bdeft2.ch.
Nell’ambito della formazione di base organizzata dalla scuola, la nota aziendale dei luoghi di formazione
deriva dal controllo delle competenze nelle parti pratiche integrate, da due SAL e da un’UP oppure da un
CC-CI.

 

Questioni ancora da chiarire

Un gruppo di lavoro ad hoc creato tra i partner della formazione professionale chiarirà l’eventualità che anche
per gli esami anticipati siano calcolate le note dei luoghi di formazione o se questi esami vadano recuperati
in un secondo momento. Inoltre, si stanno cercando delle soluzioni per le persone ammesse alla
procedura di qualificazione al di fuori di un ciclo di formazione disciplinato (ai sensi dell’art. 32 OFPr) e per
le persone ripetenti.

 

Attestato federale di capacità

La CSRFC è convinta che le note dei luoghi di formazione complete e differenziate assegnate per i tre luoghi
di formazione, in combinazione con le parti d’esame già sostenute, costituiscano una base valida per
la procedura di qualificazione 2020. La nota aziendale dei luoghi di formazione comprende la valutazione
di prestazioni aziendali ai sensi di lavori pratici. La situazione attuale non comprometterà l’inserimento professionale
delle persone in formazione, che hanno infatti concluso con successo la loro formazione affermandosi
nelle rispettive aziende formatrici.

 

Esami di maturità professionale

Le direzioni cantonali della pubblica educazione intendono accordarsi su una procedura coordinata entro
inizio maggio.

 

Conseguire in modo consapevole il titolo professionale

La CSRFC invita gli attori della formazione commerciale di base a motivare e sostenere le persone in formazione
fino al conseguimento del titolo professionale. L’approfondimento e il consolidamento delle competenze
acquisite sono importanti in considerazione della competitività sul mercato del lavoro.

 

Informazioni attuali

Sul https://www.skkab.ch/it/notizie/ della CSRFC saranno pubblicate tutte le informazioni attuali.

 

Berna, 21 aprile 2020
Gruppo di coordinamento del comitato della CSRFC

 

 

Gentile Signore o Signora
Signore e signori, stimate aziende associate di SPEDLOGSWISS

In realtà, tutti noi avevamo in mente qualcosa di completamente diverso. Avevamo tutti dei progetti. Proprio ora che è arrivata la bella stagione. Ora, a causa della crisi del coronavirus, le cose sono cambiate radicalmente da un giorno all'altro. Finché abbiamo influenza su ciò che accade nel nostro Paese, finché abbiamo tutto sotto controllo, ci sentiamo sicuri e sani. Ma ci sono cose che sfuggono al nostro controllo. Stiamo vivendo tutti insieme questa esperienza. Ognuno di noi individualmente, ma anche collettivamente come società, come cittadini del mondo. Ora dipende da noi come comunità. La solidarietà, la disciplina e la pazienza sono ora assolutamente necessarie.

Le misure adottate dal Consiglio federale il 16 marzo 2020 sono drastiche e portano di fatto a un blocco e a una pausa. Nessuno di noi l'ha mai sperimentato in questo modo. SPEDLOGSWISS sostiene questo approccio senza riserve e lo sta attuando senza restrizioni nei suoi uffici, nelle commissioni specializzate e nel settore della formazione e del perfezionamento professionale.

Siamo tuttavia molto preoccupati per l'impatto delle misure adottate sull'economia svizzera. In una situazione di compartimentazione e di catene di fornitura transfrontaliere che funzionano, ma che sono state notevolmente rallentate, il mantenimento dell'operatività delle aziende del settore del trasporto merci è di importanza sistemica per il nostro paese. Le aziende associate a SPEDLOGSWISS ne fanno naturalmente parte. Sono pertanto necessarie misure con effetto rapido. Perché ogni nuovo giorno porta con sé il rischio di licenziamenti o chiusure di impianti, soprattutto in un settore come il nostro, fortemente orientato alle PMI. Insieme ad altre organizzazioni ho quindi chiesto al Consiglio federale di adottare misure per alleviare il disagio finanziario nel modo più rapido e semplice possibile. Per quanto riguarda le domande di lavoro a tempo parziale, ho già sentito dire dalle aziende associate della nostra associazione che i Cantoni le concedono in modo rapido e non burocratico. Questo è già un buon segno, perché dobbiamo assolutamente evitare le riduzioni collettive del personale su larga scala. La ripresa arriverà. Ma nessuno può stimare quando questo accadrà.

Posso assicurarvi che sto facendo tutto ciò che è in mio potere per portare le difficoltà economiche e anche i timori del nostro settore nella consultazione politica e nel processo decisionale. Ogni industria del nostro paese è influenzata dalla situazione attuale. Il contributo sostanziale del settore delle spedizioni alla prosperità e alla sicurezza dell'approvvigionamento in Svizzera è attualmente riconosciuto anche in ambienti che prima non erano consapevoli o poco consapevoli dell'importanza del nostro settore.

Tuttavia, non ha senso che ogni settore pensi di dover portare all'attenzione del governo nazionale i propri interessi specifici del settore sotto la bandiera della pubblicità mediatica. Anche in questo caso è urgentemente necessario un approccio comune per poter aiutare rapidamente le aziende svizzere, anche quelle del nostro settore. Ciò significa che SPEDLOGSWISS si avvale, ad esempio, dell'appartenenza a economiesuisse, all'associazione dei datori di lavoro o unione svizzera delle arti e dei mestierie della nostra rete di associazioni amichevoli come ASTAG, scienceindustries, Swissmem o le camere di commercio per raggruppare le esigenze dell'economia e presentarle congiuntamente al Consiglio federale e contribuire a plasmarle.

L'attuale situazione di incertezza è una prova di stress per tutti noi. Ma possiamo gestire questa crisi se tutti coordinano e dispiegano le loro risorse in modo ottimale. Sono convinto che noi, come comunità, ne usciremo più forti. Con atti di responsabilità, disciplina e solidarietà, stiamo tutti contribuendo a superare insieme questo difficile momento.

Con questo in mente, vi auguro coraggio e perseveranza e soprattutto: rimanete in salute!

 

Con cordiali saluti

SPEDLOGSWISS
Associazione svizzera delle imprese di spedizione e logistica

Consiglio Nazionale Thomas de Courten
Presidente

 

Basilea, 20 marzo 2020



Film ritratto della professione

Impiegato/a di commercio logistica e trasporti internazionale


"Thing Explainer" – Il fornitore di servizi doganali in un video esplicativo SPEDLOGSWISS



SPEDLOGSWISS · Telefono: +41 61 205 98 00 · E-Mail: office@spedlogswiss.com
© 2020 SPEDLOGSWISS. The copyright protection textinformation is missing. Please inform your system integrator.
mybluesun systeminfo: clbox3it is missing!
30-mag-2020
9.45 h CEST